Archivio per luglio, 2012

Meglio degli Originali – Intervista ai “miniature”

Posted in concerto, intervista, miniature, musica, Roma on 19 luglio 2012 by anzianotto

Era una bella giornata di Ottobre quando, passeggiando con una mia amica, mi sono ritrovato ad ascoltare i miniature. Proprio così, senza maiuscola iniziale. Erano uno accanto all’altra a Piazza Navona, e mi sembrava di riconoscere un “Eye of the tiger” in stile quasi minimal: una chitarra ed una fisarmonica, tutte e due piccolissime. Seduti, concentrati e bravissimi, siamo rimasti ad ascoltarli tutto il tempo, ed alla fine presi anche il cd.

Dopo qualche tempo decisi di contattarli per un’intervista da mettere sul mio blog (e forse il link lo troverete qui, da qualche parte), ma per qualche mese ci siamo un po’ rincorsi fino a Venerdì, quando siamo riusciti ad incontrarci per un sorso di succo di frutta all’ombra di un bar, in un quartiere che non vi dico perché.. perché poi lo capirete.

Ecco cosa è uscito da una piacevolissima mezz’ora in compagnia di Silvia e Gabriele, i miniature.

Allora, partiamo con le domande classiche: perché miniature?

(sorridono)

Silvia: già il fatto che hai detto “miniature”, in inglese, è quello che vogliamo: la possibilità che hai di dirlo in inglese, ma anche in italiano o in francese..

Gabriele: cercavamo un nome ce rappresentasse il fatto che suoniamo strumenti piccoli, ma anche che andasse fuori dal contesto nazionale, proprio perché siamo molto aperti a cose al di fuori dell’Italia.

Quindi non ho fatto subito una figuraccia pronunciandolo in inglese?

G: no anzi, a me personalmente piace molto quando lo pronunciano in francese.

E perché questa scelta, quella di suonare strumenti piccoli, fare cover?

G: per gioco, per suonare nell’accezione di giocare, che è nato per caso.

S: si, io sono una cantautrice, ho sempre suonato i miei pezzi. A un certo punto è nato il progetto, così.

G: ci siamo conosciuti, io avevo qualche strumento piccolo a casa, e ci siamo messi a suonare insieme. Quando poi abbiamo cominciato a suonare per strada, abbiamo pensato ce questo progetto potesse essere interessante. Comunque noi portiamo avanti il progetto solista di Silvia, ma in altri contesti miniature era adatto a situazioni anche un po’ goliardiche, ironiche.

No, non è finita qui. Continueremo parlando di Roma e dei problemi di Roma, della musica nella Capitale e all’estero, e ci faremo un sacco di risate.

L’intervista completa uscirà la prossima settimana sul blog di LeCool Roma, completa di foto.

Stay-fuckin’-tuned.